Arabic AR English EN French FR German DE Italian IT Portuguese PT Russian RU Spanish ES
it Italian

IULM FLOW International Winter School 2021 – The Glocal History of Cacao

La Winter School organizzata dall’Università IULM in collaborazione con l’IILA e l’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia e il supporto di The Chocolate Way, si svolgerà dal dal 16 al 18 novembre e sarà totalmente gratuita e disponibile online su piattaforma zoom, totalmente in lingua inglese. Il corso vedrà la partecipazione di studiosi ed esperti e presenterà anche una serie di testimonianze dirette per valorizzare la prospettiva delle comunità latinoamericane e delle cooperative di cacao, con un’attenzione particolare alla sostenibilità e alla questione di genere.

L’International School si svolge in contemporanea con la mostra KA’KAO. L’albero segreto: il viaggio del cacao tra Messico e Italia, allestita presso la Exhibition Hall dell’Università IULM.

Tra i numerosi esperti ci sarà anche la partecipazione della Prof.ssa Grazia Dormiente, Presidente del Comitato Scientifico di TCW, il Prof. Massimo de Giuseppe, membro del Comitato Scientifico di TCW e il Dott. Davide Guarnaccia, membro esperto di TCW.

 

✍🏻 Per ulteriori dettagli: https://bit.ly/3wKhm94

✍🏻 Per partecipare registrarsi qui: https://survey.alchemer.eu/s3/90400172/Winter-School-2021

Una mostra alla scoperta delle radici del cacao – KA’KAO: Un viaggio tra Messico e Italia alla scoperta delle origini del cacao

Un viaggio tra Messico e Italia alla scoperta delle origini del cacao. “KA’KAO. L’albero segreto: il viaggio del cacao tra Messico e Italia” arriva in IULM il 5 novembre!

Un viaggio nel tempo, a ritroso, per riscoprire una storia lontana. Un viaggio tra gli elementi della terra, le ritualità umane, il ciclo della vita. Un viaggio nello spazio, che traccia un percorso ideale dal Messico all’Italia, attraversando il territorio di Modica, per approdare direttamente al cuore di Milano.

Questo e molto altro sarà KA’KAO. L’albero segreto: il viaggio del cacao tra Messico e Italia, una mostra internazionale che sarà aperta nella Contemporary Exhibition Hall di IULM Open Space dal 5 novembre al 15 dicembre, KA’KAO ha origine da un articolato progetto di ricerca nato nei dipartimenti dell’Università IULM ma che ha via via coinvolto diversi centri di ricerca, istituzioni, reti culturali, produttori e comunità indigene. Un esperimento che punta a tenere insieme ricerca e divulgazione in modo innovativo e sperimentale e che – dopo la mostra in IULM – approderà, nel novembre 2022, anche a Città del Messico al Museo Nacional de las Culturas.

Curata dal professor Massimo De Giuseppe, membro del Comitato Scientifico di TCW, dal docente e regista Giuseppe Carrieri e allestita da Sergio Pappalettera con Studio Prodesign, la mostra ha per protagonista il cacao, l’alimento più popolare al mondo; un simbolo che racchiude in sé la radice della tradizione e la sfida per un futuro più sostenibile.

La storia del cacao – spiega il Prof. Massimo De Giuseppe – ci offre l’esempio di un ampio e articolato processo di «glocalizzazione» che unisce territori, viaggi, esperienze, in una trasformazione perennemente sospesa tra dimensione locale e globale. Una storia che ha avuto nel tempo un profondo impatto sociale, culturale ed economico, incidendo anche sugli immaginari collettivi.”

Il progetto KA’KAO. L’albero segreto: il viaggio del cacao tra Messico e Italia include anche un docu-film girato quest’estate in Messico da alcuni studenti IULM con la regia di Giuseppe Carrieri. Si potranno vedere degli estratti durante i giorni di apertura della mostra, in attesa di vederlo presto sul grande schermo.

Ingresso libero previa registrazione tramite form.

Ulteriori informazioni https://www.iulm.it/it/news-ed-eventi/news/kakao?fbclid=IwAR1hf5Ics_7CKb4f_RfM4hDJH8xIj0MImB7KcCGuwrHpNhl2wYuT1P5Boz4

 

The Chocolate Way: Ethical, Cultural And Sustainable Legacy Of Cocoa In Europe Itinerario Culturale Europeo“La Via del Cioccolato”, Diane Dodd, esperto indipendente, a Modica per la valutazione esterna.

Sabato 23 e domenica 24 ottobre il Presidente di The Chocolate Way, Nino Scivoletto, accompagnato da Grazia Dormiente, Presidente del Comitato Scientifico della Associazione europea, hanno accolto Diane Dodd, nominata da Stefano Dominioni, Segretario Esecutivo, Direttore  dell’ EPA (The Enlarged Partial Agreement On Cultural Routes of  the Council of Europe) per la valutazione esterna della candidatura.
Il programma della visita ha previsto nella giornata di sabato 23 la visita al “Museo del Cioccolato” per conoscere la storia del cioccolato di Modica dal 1746 ad oggi e per assistere nella nuova ala dedicata “Galleria del Cacao”, alla lavorazione a bagnomaria del cioccolato di Modica eseguita dal maestro cioccolatiere Daniele Giurdanella. Di seguito si è svolto il “Dammusu ro ciucculattaru”, laboratorio animato dall’operatore museale Gianni Frasca, che ha prodotto le mitiche barrette di cioccolato di Modica secondo la tecnica settecentesca, sullo spianatoio di pietra lavica su fuoco vivo.
Successivamente,  si è passato all’esame del voluminoso Dossier, presentato nel mese di luglio scorso, composto da oltre 500 pagine; esaminati tutti gli aspetti più significativi, dalla consistenza della Associazione alla sostenibilità economica; dalle attività attuali dei singoli soci dei diversi Paesi europei a quelle concertate per i prossimi anni; dai processi di internazionalizzazione con particolare riferimento ai rapporti con l’IILA (Istituto Italo Latino Americano) e con l’Università IULM in relazione al progetto di realizzazione del docufilm sul cacao e il cioccolato dal Messico all’Italia; dalla rete europea dei Musei del cioccolato e delle istituzioni culturali europee in qualche modo legate al cacao e cioccolato, alle iniziative volte a coinvolgere i giovani studenti di tutta l’Europa in un processo di conoscenza della storia del cacao e del cioccolato, con particolare riguardo alla componente etica.
Un itinerario turistico della Via del cioccolato a Modica ha formato oggetto della seconda giornata di visita della Dodd a Modica, che partendo dal Duomo di San Giorgio è proseguito per Santa Maria del Gesù, Santa Maria di Betlem, San Pietro e fino alla visita al “Museo delle Arti e Tradizioni Popolari Serafino Amabile Guastella”.
MS. Dodd è rimasta assai colpita della bellezza del patrimonio monumentale della città di Modica, del quale ha potuto apprezzare ogni elemento grazie ad Attilio Ruta, esperta guida turistica, messa a disposizione dal Sindaco di Modica.
L’attenzione della Dodd, si è soffermata sulle straordinarie potenzialità del complesso monumentale di Santa Maria del Gesù e sul già citato Museo Demo Etno Antropologico che ha definito “ Un incredibile viaggio attraverso tradizioni rurali in agricoltura, tessitura, eredità culturali e sociali in un luogo meraviglioso”.
Diana Dodd, nella sua qualità di Presidente dell’Istituto internazionale di gastronomia, cultura, arte e turismo, ha con l’occasione espresso un apprezzamento per l’offerta culturale, gastronomica e turistica della città di Modica.
L’esperto, dopo la visita ispettiva a Modica, preparerà una relazione sulla conformità del network The Chocolate Way con i criteri del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, Risoluzione CM/Res (2013)67 e, con molta probabilità, acquisirà ulteriori elementi attraverso appositi incontri con altri membri della Associazione europea e con la consulente esterna della Associazione Emanuela Panke.
La delegazione della Associazione The Chocolate Way era composta inoltre dall’Arch. Alessandro Ferrara che il Presidente ha scelto come consulente esperto in patrimonio monumentale, dal Prof. Duccio Gennaro per la sua competenza in materia di itinerari culturali turistici e da Paola Cicero, infaticabile assistente del Presidente, che ha egregiamente svolto anche la funzione di interprete.

Accordo sottoscritto tra l’Organizzazione Internazionale Italo-Latino Americana e The Chocolate Way

ImmagineIl 29 luglio 2021 l’IILA, Organizzazione Internazionale Italo-Latino

Americana, e The Chocolate Way, Ethical, Cultural and sustainable legacy of cocoa in Europe, hanno siglato un accordo di collaborazione. Una partnership importante, che sancisce la collaborazione tra le due realtà, finalizzata alla promozione e alla valorizzazione dell’intera filiera del cacao e cioccolato.

L’accordo impegna le Parti ad attivare ogni forma di sinergia ed efficace collaborazione, finalizzata all’approfondimento dei temi legati a tutta la filiera del cioccolato, dal mondo dell’origine a quello del consumo, attraverso la promozione di iniziative congiunte coinvolgendo i Paesi produttori di cacao. In programma, seminari, conferenze, presentazioni, incontri istituzionali, studi e ricerche, progetti di cooperazione a favore dei Paesi membri con l’obiettivo di avvicinare origini e consumo, accrescere conoscenza e capacità di chiunque sia coinvolto nella filiera del cioccolato, a qualunque livello – dall’agricoltore al cioccolatiere – e aprire per i paesi produttori una più ampia finestra sul mondo del consumo.

La collaborazione tra le due parti vuole migliorare la promozione del cacao e cioccolato di origine, promuovere il consumo e la conoscenza del cacao e cioccolato di qualità, promuovere la tracciabilità del cacao e cioccolato e incoraggiare la produzione di cacao e cioccolato virtuosi in un contesto di sostenibilità ambientale, sociale ed economica, favorire l’accesso del cacao latinoamericano al mercato italiano, promuovendo la qualità e pratiche colturali sostenibili, essere un punto di riferimento per le buone pratiche di coltivazione e di consumo, promuovere un turismo culturale, creativo, responsabile e sostenibile attraverso progetti, programmi, iniziative e campagne promozionali a livello internazionale basate sulla qualità e la cooperazione.

Per la maggior parte dei paesi latinoamericani membri dell’IILA, il cacao è una risorsa importante, per alcuni la più importante in quanto uno dei principali prodotti di esportazione, a cui si lega il sostentamento della comunità locale e lo sviluppo socioeconomico del Paese. Una risorsa importante che merita di essere valorizzata e promossa tanto nei paesi di origini quanto nei paesi di consumo. IILA e The Chocolate Way vogliono incentivare e promuovere le pratiche virtuose che contraddistinguono i paesi membri, in un’ottica di valorizzazione del cacao/cioccolato e del territorio.

https://iila.org/it/sottoscritto-accordo-di-collaborazione-tra-liila-organizzazione-internazionale-italo-latino-americana-e-the-chocolate-way-ethical-cultural-and-sustainable-legacy-of-cocoa/

Accordo di cooperazione tra TCW e l’Università UTE (Ecuador)

 

 

Firmato l’accordo di cooperazione tra The Chocolate Way e l’Università UTE (Ecuador) nel settore del cioccolato e del cacao. 

Entrambe le istituzioni hanno obiettivi comuni e complementari nelle aree di ricerca, insegnamento e impegno sul cioccolato e sulla sua materia prima, il cacao.

Tra gli obiettivi dell’accordo vi sono la promozione di relazioni accademiche, di ricerca tra Università UTE e TCW, lo sviluppo di attività didattiche e di programmi di ricerca sul cacao  e il cioccolato, e gli scambi culturali per studenti e docenti.

 

 

IL CIOCCOLATO: UN VIAGGIO IN EUROPA TRA STORIA TRADIZIONE E GUSTO – The Chocolate Way: depositato il Dossier per la certificazione quale “Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa”

 

 

Dopo circa un anno di lavoro è stato presentato  il dossier  al Consiglio d’Europa per il riconoscimento dell’Itinerario Chocolate Way, con l’aggiunta di un pay off al nome Chocolate Way: Ethical, Cultural And Sustainable Legacy Of Cocoa In Europe, per evidenziare il legame indissolubile con il cacao.

La parte storica e culturale è stata elaborata dal  Presidente del Comitato Scientifico, Grazia Dormiente, con una contestualizzazione temporale ben definita degli attrattori presenti sull’itinerario e con dei riferimenti puntuali a elementi di patrimonio materiale e immateriale fruibili grazie a Chocolate Way. Preziosi i contributi dei componenti il Comitato Scientifico gli accademici: Giorgio Calabrese, Clementina Battcock, Massimo de Giuseppe, Gian Carlo di Renzo, Roberta Garibaldi, Alexis Verdù Iborra, Vincenzo Russo, Filippo Grasso.

Si è insistito sul valore etico della produzione del cacao con la diffusione del decalogo elaborato dall’Itinerario e con la diffusione di una petizione a suo sostegno via Change.Org.

Sono stati evidenziati i partenariati con l’America Latina, attraverso l’accordo con l’IILA- Istituto Italo Latino Americano, l’accordo con l’Università UTE (Ecuador) e le attività del professor Massimo De Giuseppe dell’Università IULM, membro del Comitato Scientifico, in Messico.

Inoltre, sono stati siglati accordi con i seguenti partner: Caffè Storici della Grecia; Itinerario Culturale Europeo Itervitis; Istituto Alberghiero “Principi Grimaldi” di Modica.

L’internazionalizzazione dell’Itinerario, così come suggerito dall’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa, è stata estesa, a Croazia, Svizzera, Israele e Azerbaijan.

Musei e operatori turistici sono rimasti il target preferenziale proprio per l’approccio allo sviluppo di un turismo enogastronomico sostenibile auspicato dal COE.

In particolare, hanno fatto richiesta di ingresso le seguenti istituzioni: Fondazione La Fabbrica del Cioccolato (Museo, Svizzera); Fondazione Loreto Aprutino (Museo, Italia); Amadria Park (Hotel, Croazia); Ganja Confectionery OISC (Azienda produttrice, Azerbaijan); MoltoBen (Tour operator, Israele); IncasTour (Tour Operator, Italia). I tour operator coinvolti nell’itinerario hanno fornito pubblicazioni dettagliate relative ai prodotti in vendita relativamente al tema gastronomico.

Rete dei Musei coinvolti:Valor Chocolate Museum –Villajoyosa – Alicante; Museo Del Cioccolato Di Sueca –Valencia; Museu De La Xocolata – Barcellona; Museo Del Cioccolato Al Monasterio De Piedra – Saragozza; Museo Del Chocolat- Astorga; Museo Interattivo A “Fábrica Do Chocolate” – Viana Do Castelo; Choco-Story – Musée Du Chocolat Gourmet –Paris; L’atelier Du Chocolat-Bayonne; Museo “Les Secrets Du Chocolat” – Strasburgo; Musee Du Cacao Et Du Chocolat- Bruxelles; Choco-Story Museum – Bruges; Chocolate Museum Di Brixton- Londra; Il Museo Del Cioccolato – Berlino; Il Museo Del Cioccolato – Colonia;  Il Museo Del Cioccolato – Vienna; Szamos Chocolate Museum – Budapest;  Museo Storico Perugina- Perugia; Museo Del Cioccolato – Modica;  Musei Del Cioccolato Museo e Fabbrica Di Cioccolato Krasny Oktyabr-Mosca;  Museo Del Cioccolato Alprose –Caslano-Lugano; Lindt Home Of Chocolate, Il Museo Interattivo Del Cioccolato –Zurigo.

In progetto per il futuro, si sta pianificando un evento europeo, a cadenza annuale, di scambio delle esperienze produttive tra artigiani dei diversi Paesi mediante il coinvolgimento di CNA Bruxelles e di Unioncamere Europa, che fungerà da strumento di collegamento, partenariato e cooperazione, anche con l’obiettivo di promuovere l’avvio di richieste di registrazione alla Commissione Europea di certificazioni di qualità, al pari del cioccolato di Modica IGP, in atto unico cioccolato ad Indicazione Geografica Protetta,  riconosciuto in Europa.

Tra le attività verso i giovani, positivamente valutate in fase di sottomissione del dossier, sono stati inseriti i progetti IULM e il protocollo di intesa con l’Istituto Alberghiero di Modica che fungerà da pilot per accordi con omologhi istituti nel resto di Europa.

Tutto il materiale di comunicazione è stato personalizzato con l’uso del logo Chocolate Way, unitamente alla produzione di una cartografia e una segnaletica già apposta su alcuni degli edifici cardine dell’itinerario.

Le pubblicazioni sui social network e la rassegna stampa sono state allegate a testimonianza della vasta attività di PR svolta dall’itinerario nello scorso triennio, pur tenendo conto delle difficoltà provocate dalla emergenza sanitaria dal Covid 19.

Si è provveduto alla catalogazione di tutte le pubblicazioni, inclusi gli audiovisivi, correlate con la tematica del dossier siano esse dirette (prodotte dall’associazione) o indirette.

“Desidero esprime un sincero ringraziamento – dichiara Nino Scivoletto Presidente di The Chocolate Way- a tutti i soci dell’Associazione,Consejo Regulador de las Indicaciones Geográficas Protegidas y Asociación de Fabricantes de Turrón Derivados y Chocolate de la Comunidad Valenciana ;Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica; Mairie du Castellet; Cna Alimentare; Unioncamere, Camere di Commercio di Cuneo, Gran Sasso, Perugia, Sud-Est Sicilia,Torino, Seventy%, Tubingen Erleben GMBH,per i contributi forniti; al Presidente Grazia Dormiente e ai componenti il comitato Scientifico, al Dott. Francesco Maria  Perrotta per il prezioso contributo fornito per la redazione della sezione economica del Dossier,  alla Consulente/Esperto Emanuela Panke per l’elevata professionalità dimostrata e le preziose relazioni internazionali messe a disposizione e infine, alla nostra segreteria, a Lisa Reyes Reina e Paola Cicero, insostituibili assistenti, senza le quali sarebbe stato per me assai difficile portare a termine l’impresa.”

 

https://www.efanews.eu/item/20363-chocolate-a-trip-to-europe-between-history-tradition-and-taste.html

 

Modica 02 agosto 2021

 

Convegno Nazionale Progetto IPER – ICT to promote cultural heritage

Il Convegno Nazionale Italiano del Progetto Europeo Erasmus + “Iper – ICT to promote cultural herige” si  terrà online Mercoledì 14 Luglio alle ore 12.00.
‼SAVE THE DATE – Iscrizione obbligatoria attraverso questo link: https://bit.ly/3dTR3VU
Maggiori informazioni:
secretariat@thechocolateway.eu
Vedi il programma completo: